Gli evasori di Cortina, ecco i risultati

Li avevano liquidati come “controlli ideologici”:

Per il capogruppo del Pdl alla Camera, Fabrizio Cicchitto, “un controllo del genere è del tutto inaccettabile” ed è ispirato a una confezione ideologica del controllo fiscale. “Coloro che sovrintendono alla lotta all’evasione fiscale, e quindi tra essi in primo luogo il dottor Befera – ha proseguito Cicchitto – devono anche avere la consapevolezza che operazioni come quelle fatte ieri a Cortina con controlli a tappeto rispetto a tutta un’area perché presumibilmente popolata, in queste vacanze, da ricchi sono del tutto inaccettabili”.

Eppure il blitz dell’Agenzia delle Entrate in quel di Cortina d’Ampezzo ha appurato cose molto interessanti, soprattutto rispetto ai proprietari di auto di lusso, ma non solo.

Non sono mancati singoli episodi particolarmente significativi: un commerciante deteneva beni di lusso in conto vendita per più di 1,6 milioni di euro, senza alcun documento fiscale. I dati più interessanti sono emersi dai controlli sui possessori di 251 auto di lusso di grossa cilindrata. Su 133 auto intestate a persone fisiche, 42 appartengono a cittadini che hanno dichiarato meno di 30 mila euro lordi di reddito sia nel 2009 sia nel 2010, mentre 16 auto sono intestate a contribuenti che hanno dichiarato meno di 50 mila euro lordi. Gli altri 118 superbolidi sono intestati a società che sia nel 2009 sia nel 2010 hanno dichiarato in 19 casi di essere in perdita, mentre in 37 casi hanno dichiarato meno di 50 mila euro lordi.

Aggregando i dati, per rendere il quadro in maniera più efficace, delle 251 auto controllate ben 95 appartengono a persone fisiche o giuridiche che negli ultimi due anni hanno dichiarato meno di 50.000 euro lordi.

I controlli sugli incassi di commercianti, ristoranti e bar hanno rilevato un aumento enorme del fatturato rispetto al giorno prima e allo stesso giorno dell’anno precedente. Questo equivale a dire che normalmente in quei negozi si pratica una vecchia e deleteria abitudine: non fare lo scontrino. Il Corriere riporta dati imbarazzanti:

Gli incassi di alberghi, bar, ristoranti, gioiellerie, boutique, farmacie, saloni di bellezza, nel giorno dei controlli, sono lievitati rispetto sia al giorno precedente sia allo stesso periodo del 2010. In particolare, i ristoranti hanno registrato incrementi negli incassi fino al 300% rispetto allo stesso giorno dello scorso anno (+ 110% rispetto al giorno prima), i commercianti di beni di lusso fino al 400% rispetto allo stesso giorno dello scorso anno (+106% rispetto al giorno prima), i bar fino al 40% rispetto allo stesso giorno dello scorso anno (+104% rispetto al giorno prima).

Che dice adesso Cicchitto?

Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: