Sul Partito Pirata in Europa e in Italia

La stampa italiana, che si concentra in maniera quasi ossessiva sul gossip politico di casa nostra, ne parla molto poco, ma alcuni paesi europei (in particolare Svezia e Germania) stanno assistendo all’affermazione elettorale del Partito Pirata, nato nel 2006 in Svezia come “braccio politico” di The Pirate Bay, che sta emergendo tra i partiti di “sinistra” per le sue posizioni libertarie sul copyright, sull’informazione e sulla privacy del consumatore.

Ne parla invece GigaOm in un bell’articolo (in inglese), che riassume la storia del movimento, il suo programma politico e le questioni aperte tra i militanti e gli iscritti.

Peccato che questo partito vada forte nei paesi citati sopra, ma sia praticamente inesistente nell’Europa meridionale. In Italia il Partito Pirata, per quel poco che ne so, mi sembra un partitino vetero-comunista, libertario e concorrenzialista soltanto per ciò che concerne il diritto d’autore, non in campo economico, ad esempio. Non so bene a cosa attribuire questa differenza: sicuramente non si tratta soltanto di un divario nella diffusione di Internet e della cultura digitale, che pure esiste ed è rilevante. Più probabilmente credo che ciò che ci manca sia la capacità di organizzarci: laddove in Germania la politica è responsabilizzazione del cittadino, da noi si risolve nella sua irreggimentazione in scatole ideologiche, da cui ci sembra quasi un “peccato” scappare. Tant’è vero che parole come “traditore”, “ingrato”, “venduto” sono molto usate nel dibattito pubblico.

Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Comments

  • Mimmo  On 05/05/2012 at 6:21 pm

    E’ un vero peccato che non ci si riesca a organizzare. La vera forza di questa idea sta nella possibilità di fare della connettività la nostra forza. Di poter istituire una democrazia diretta e partecipata. Ma soprattutto di potersi creare finalmente la prima vera aggregazione europea.

    Like

    • Lorenzo Tondi  On 05/06/2012 at 10:39 am

      Ma perché non ci si riesce ad organizzare? Cosa manca al Partito Pirata italiano?

      Like

      • Mimmo  On 05/06/2012 at 10:44 am

        Mi piace questa proposta. Sarebbe bello saperne di più. Avete in programma qualche meeting in Lombardia? Come potrei fare ad iscrivermi?

        Like

  • Lorenzo Tondi  On 05/06/2012 at 11:19 am

    Mimmo, guarda che io non sono iscritto al PP, non ne ho mai fatto parte e non conosco nessuno che ne faccia parte…

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: