un mazzetta da leggere sulla definitiva involuzione autoritaria del Movimento 5 Stelle.

Mazzetta

Per il momento sembra che le soluzioni emergenziali e verticistiche abbiano avuto la meglio su quelle “dal basso”

Da tempo il MoVimento 5 Stelle deve risolvere l’idiosincrasia tra una narrazione che racconta di partecipazione orizzontale e una vita del movimento che invece è libera solo all’interno degli stretti recinti e dei limiti posti dal leader. Il problema si è posto anche per la definizione delle candidature alle prossime elezioni legislative, chi candidare, come scegliere i candidati e molto altro, sono state questioni che in rete sono state dibattute moltissimo, quanto poco nei luoghi in teoria deputati allo scopo da grillini.

Poi ieri Beppe Grillo ha comunicato le nuove regole e tutti si sono dovuti adeguare, amen, e tanti saluti al feedback liquido e a tutto il set delle buone intenzioni dell’attivista medio del M5S. Ha deciso Grillo chi candidare, segnatamente chi era già stato candidato, ma trombato, per il M5S…

View original post 605 more words

Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Comments

  • gianlu  On 11/11/2012 at 5:42 pm

    articolo pessimo, scritto da un “mediocre” giornalista, rebloggato da uno che nemmeno si è preso la briga (e l’intelligenza) di scriverlo di proprio pugno.

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: