Quando Rosy Bindi era rottamatrice

In tempi di primarie parlamentari è utile ripescare ciò che aveva recuperato David Allegranti a settembre sul Post. Leggete quest’Ansa del ’94

PPI: BINDI, ”VALE PER TUTTI LIMITE TRE LEGISLATURE”

(ANSA) – ROMA, 2 FEB – Rosy Bindi non transige sul rinnovamento della classe politica e dei candidati del Ppi: ”Il limite delle tre legislature – ha detto conversando con un giornalista – deve valere per tutti, anche per De Mita. Ci vuole una regola certa per selezionare le candidature. E’ quello che stanno chiedendo tutti i coordinatori regionali e che io sto applicando nel Veneto. Quindi il limite delle legislature – ha aggiunto – vale anche per Carlo Fracanzani che di legislature ne ha sette. Lo ringrazio per il contributo che ha dato al partito, lo ammiro per non essere rimasto invischiato in Tangentopoli, nonostante la carica di ministro per le Partecipazioni statali ricoperta in un periodo ad alto rischio. Adesso, pero’, gli chiedo un atto di generosita”’. Lei invece si candidera’ alle politiche? ”Vedremo. Sono una parlamentare europea. Io mi candido se Martinazzoli me lo chiede. Ma il problema non e’ personale. La gente ci chiede un forte rinnovamento e mi dice: ‘per carita’, non candidate sempre le stesse facce’. Se vogliamo essere credibili – ha concluso il coordinatore popolare del Veneto – dobbiamo presentare una nuova classe dirigente”.(ANSA) LT 02-FEB-94 18:40 NNNN

Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: