L’unica via d’uscita

Dopo le pugnalate dei 100 infami di ieri, che hanno praticamente distrutto quel che restava del PD, ora in molti si chiedono che fare.

Pippo Civati, che ha votato Rodotà alle prime tre votazioni e Prodi alla quarta, spiega perché secondo lui Rodotà non è un’opzione praticabile per il PD: in sostanza, perché non ci sarebbero i voti.

Ora, molti chiedono: “perché non Rodotà?”. E si incazzano anche con me, che Rodotà l’ho pure votato. Tre volte. La risposta la trovate qui sotto: Rodotà non ha i voti, in quell’aula. Se il Pd non ha votato Prodi, è un po’ difficile immaginare che voti Rodotà. Perché c’è una parte del Pd che non guarda al M5S ma a destra. Spero sia chiaro a tutti. Ed è questo il vero problema.

Possiamo anche andare avanti con Rodotà, ma rischiamo di bruciare definitivamente anche lui. Potremmo chiedere di votare nel gruppo, e anche se passasse a maggioranza, nessuno potrebbe prevedere poi che cosa succederebbe in aula. Ai commentatori scatenati sottopongo questa riflessione: se ci sono stati 100 franchi tiratori per Prodi, quanti ce ne sarebbero per Rodotà?

Ora, io non sono iscritto al PD, non sono un deputato e non conosco con precisione i rapporti di forza tra le correnti interne al partito. Il ragionamento di Civati fila, purtroppo. Ma secondo me giunge alla conclusione sbagliata: proprio perché ormai il PD, almeno in parlamento, non è più un partito, tentare di eleggere Rodotà mi sembra l’unico modo per uscire da questa farsa a testa alta. Tanto ormai è tutto andato a puttane: il partito è spaccato tra Grandi Vecchi e i giovani che fanno capo a Civati, alcuni Giovani Turchi e tanti altri. Renzi ha una posizione molto ambigua che non ha ancora chiarito, nonostante i suoi post su facebook. Se bisogna andare allo sfascio, almeno lo si faccia alla luce del sole. Si proponga la convergenza su Rodotà e si trovi un modo per contare i voti, come ha fatto SEL al quarto scrutinio. Così sarà possibile vedere in faccia gli stronzi che ieri hanno sfasciato l’unico vero partito italiano.

Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: